Autore Topic: Sentenze italiane...  (Letto 3297 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline Templare

  • Utente
  • *****
  • Post: 8248
Sentenze italiane...
« il: 24 Luglio 2018, 10:47:44 pm »
... ed estati da corsi e ricorsi. Con la premessa che ringrazio il Cielo che Zamparini non sia rientrato dalla porta di servizio in serie A, voglio spendere due parole sulle vicende, diciamo giudiziarie, degli ultimi tempi.

1) Il Frosinone lancia il nuovo modello sportivo per assicurarsi la serie A: palloni in campo lanciati da curva e panchina, per interrompere scientificamente azioni e ritmo degli avversari, per un totale di due partite a porte chiuse ed entrate per una trentina di milioni. Ineccepibile. Con l’arbitro La Penna premiato con la serie A anch’egli per avere scritto fedelmente nel referto tutto ciò che non era successo. Impagabile.

2) Il Parma, per responsabilità oggettiva, finisce a processo. La Procura chiede che al Parma, in caso i giudici riconoscano ci sia stato il tentato illecito da parte di Calaiò, siano tolti due punti dalla classifica finale dello scorso campionato e la promozione in A o, in subordine, siano dati sei punti di penalizzazione da scontare nel prossimo. Quanta Italia, quanta furbizia in queste richieste!!! Infatti i punti saranno cinque, con un dispositivo di sentenza che fa ridere. Incommensurabile.

3) Tre squadre, anzi due e mezza, non si iscrivono alla prossima serie B. I ripescaggi favorirebbero certe squadre solo perché esiste una disposizione che impedisce alle società che negli ultimi tre anni hanno avuto grane con la giustizia sportiva di fare valere i loro recenti risultati e il loro bacino d’utenza, che come si sa determinano poi la graduatoria di ripescaggio. Ma il Novara non ci sta, fa ricorso ed ottiene in primo grado la cancellazione di questa disposizione, rivoluzionando così la suddetta graduatoria. Ecco che chi aveva diritto prima della sentenza viene scavalcato da chi non ne aveva. Si parla già di ricorsi, tribunali amministrativi e l’Avellino, la mezza squadra di cui sopra, fa balenare pure l’idea, tutta italiana, del compromesso: ripeschiamo tutti, noi compresi e facciamo una B a 23 squadre. EPICO!!!

Che voglio dire con questo? Non so se l’ho già scritto qui o da qualche altra parte, ma gli Inglesi, in mezzo a cui vivo (in realtà qui a Brum di inglesi ne sono rimasti pochini, ma fra poco li raggiungiamo anche noi) e per cui lavoro, hanno un grosso limite che si può riassumere più o meno così: c’è un manuale, si segue il manuale alla lettera. Pure che gli dimostri che qualcosa in quel manuale è sbagliato e facendo diversamente le cose riuscirebbero meglio, non derogano, paraocchi e strada dritta. Hanno l’organizzazione, ma gli manca la fantasia tipicamente mediterranea, prettamente italiana. Noi invece, qui a casa nostra, di fantasia ce ne mettiamo anche fin troppa ed al manuale, ai codici, alle leggi, abbiamo da sempre preferito la tecnica dell’accomodamento.

Il Parma in A, come gliela togliamo questa promozione, manco pare giusto. Inventiamoci che la norma dice che la punizione va scontata nel campionato in cui si svolge il processo e siccome la stagione nuova inizia il primo luglio e siamo al 23, i punti al Parma facciamoglieli scontare l’anno prossimo, ma in A, così la Procura è contenta perché gli abbiamo dato ragione, il Parma fa finta di essere scontento, perché non gli togliamo una trentina di milioni e la giustizia, il rispetto delle regole, possono andare a farsi fo.tte.re, tanto siamo in Italia, noi accomodiamo tutto...

Per questo il popolo di questa  ex Nazione mi fa generalmente schifo, perché il grande dono dell’intelligenza pronta, della fantasia, del genio, non lo sfruttiamo per primeggiare rispetto, ad esempio, ad un popolo di mediamente addummisciuti, come quello britannico, ma per truffare ed inquinare ogni procedura e procedimento.

p.s. Zamparini che si lamenta dell’ingiustizia subita è barzelletta nella barzelletta. Rido da giorni.

"Prima elimineremo i sovversivi, poi i loro collaboratori, poi i loro simpatizzanti, successivamente quelli che resteranno indifferenti e infine gli indecisi."

Offline Nelson

  • Utente
  • *****
  • Post: 1579
Re:Sentenze italiane...
« Risposta #1 il: 25 Luglio 2018, 02:04:20 am »
Complimenti per la sintesi. Avevo le idee un po' confuse. Troppi casi, troppe cose, accomodamenti, una pezza qua e una pezza là e nessuna idea chiara sul regolamento.

Eh sì, quanta fantasia... 
He was like a cock who thought the sun had risen to hear him crow  (G. Eliot)

Offline garreccio

  • Utente
  • *****
  • Post: 1667
Re:Sentenze italiane...
« Risposta #2 il: 25 Luglio 2018, 10:47:08 pm »
... ed estati da corsi e ricorsi. Con la premessa che ringrazio il Cielo che Zamparini non sia rientrato dalla porta di servizio in serie A, voglio spendere due parole sulle vicende, diciamo giudiziarie, degli ultimi tempi.

1) Il Frosinone lancia il nuovo modello sportivo per assicurarsi la serie A: palloni in campo lanciati da curva e panchina, per interrompere scientificamente azioni e ritmo degli avversari, per un totale di due partite a porte chiuse ed entrate per una trentina di milioni. Ineccepibile. Con l’arbitro La Penna premiato con la serie A anch’egli per avere scritto fedelmente nel referto tutto ciò che non era successo. Impagabile.

2) Il Parma, per responsabilità oggettiva, finisce a processo. La Procura chiede che al Parma, in caso i giudici riconoscano ci sia stato il tentato illecito da parte di Calaiò, siano tolti due punti dalla classifica finale dello scorso campionato e la promozione in A o, in subordine, siano dati sei punti di penalizzazione da scontare nel prossimo. Quanta Italia, quanta furbizia in queste richieste!!! Infatti i punti saranno cinque, con un dispositivo di sentenza che fa ridere. Incommensurabile.

3) Tre squadre, anzi due e mezza, non si iscrivono alla prossima serie B. I ripescaggi favorirebbero certe squadre solo perché esiste una disposizione che impedisce alle società che negli ultimi tre anni hanno avuto grane con la giustizia sportiva di fare valere i loro recenti risultati e il loro bacino d’utenza, che come si sa determinano poi la graduatoria di ripescaggio. Ma il Novara non ci sta, fa ricorso ed ottiene in primo grado la cancellazione di questa disposizione, rivoluzionando così la suddetta graduatoria. Ecco che chi aveva diritto prima della sentenza viene scavalcato da chi non ne aveva. Si parla già di ricorsi, tribunali amministrativi e l’Avellino, la mezza squadra di cui sopra, fa balenare pure l’idea, tutta italiana, del compromesso: ripeschiamo tutti, noi compresi e facciamo una B a 23 squadre. EPICO!!!

Che voglio dire con questo? Non so se l’ho già scritto qui o da qualche altra parte, ma gli Inglesi, in mezzo a cui vivo (in realtà qui a Brum di inglesi ne sono rimasti pochini, ma fra poco li raggiungiamo anche noi) e per cui lavoro, hanno un grosso limite che si può riassumere più o meno così: c’è un manuale, si segue il manuale alla lettera. Pure che gli dimostri che qualcosa in quel manuale è sbagliato e facendo diversamente le cose riuscirebbero meglio, non derogano, paraocchi e strada dritta. Hanno l’organizzazione, ma gli manca la fantasia tipicamente mediterranea, prettamente italiana. Noi invece, qui a casa nostra, di fantasia ce ne mettiamo anche fin troppa ed al manuale, ai codici, alle leggi, abbiamo da sempre preferito la tecnica dell’accomodamento.

Il Parma in A, come gliela togliamo questa promozione, manco pare giusto. Inventiamoci che la norma dice che la punizione va scontata nel campionato in cui si svolge il processo e siccome la stagione nuova inizia il primo luglio e siamo al 23, i punti al Parma facciamoglieli scontare l’anno prossimo, ma in A, così la Procura è contenta perché gli abbiamo dato ragione, il Parma fa finta di essere scontento, perché non gli togliamo una trentina di milioni e la giustizia, il rispetto delle regole, possono andare a farsi fo.tte.re, tanto siamo in Italia, noi accomodiamo tutto...

Per questo il popolo di questa  ex Nazione mi fa generalmente schifo, perché il grande dono dell’intelligenza pronta, della fantasia, del genio, non lo sfruttiamo per primeggiare rispetto, ad esempio, ad un popolo di mediamente addummisciuti, come quello britannico, ma per truffare ed inquinare ogni procedura e procedimento.

p.s. Zamparini che si lamenta dell’ingiustizia subita è barzelletta nella barzelletta. Rido da giorni.
Concordo

Offline U mastru

  • Utente
  • *****
  • Post: 1317
Re:Sentenze italiane...
« Risposta #3 il: 25 Luglio 2018, 11:10:25 pm »
Condivido anche la punteggiatura, hai non una ma mille volte ragione, cog.lio.ne io che resto qua e provo a cambiare le cose. Si sono un co.glione, ma ci provo e non solo nel calcio. Scusa Temply ma te la sei cercata.

Offline Sergio

  • Utente
  • *****
  • Post: 4438
Re:Sentenze italiane...
« Risposta #4 il: 26 Luglio 2018, 10:29:35 pm »
... ed estati da corsi e ricorsi. Con la premessa che ringrazio il Cielo che Zamparini non sia rientrato dalla porta di servizio in serie A 

Sebbene anch'io sia soddisfatto che la zamparinese sia rimasta dove non merita nemmeno di stare perchè siffatta società desterebbe insofferenza financo in lega pro, figuriamoci in B o addirittura in A dove ha falsato, con la sua inadeguatezza, l'ultimo campionato quando vi ha preso parte, non posso rimanere indifferente a quanto sia insufficiente, storpia, miope, la condanna inflitta al Parma perchè se condanna deve essere, essa deve tendere ad un "risarcimento" a chi dell'illecito perpetrato ne ha subito un danno, che nella fattispecie dovrebbe essere il Palermo. Invece chi trarrà vantaggio della penalizzazione del Parma? Le squadre che il prossimo anno lotteranno per non retrocedere (che non glien'è fottuto niente degli SMS di Calaiò), tipo, ad esempio, il Frosinone, quella dei lancia-palloni in campo. Ora sta cosa a me fa storcere le budella.
PRIMA SEDES CORONA REGIS ET REGNI CAPUT -  https://www.youtube.com/watch?v=Bnh2jfes7AU

Offline turiddu

  • Utente
  • *****
  • Post: 2008
Re:Sentenze italiane...
« Risposta #5 il: 07 Agosto 2018, 08:56:20 am »
Picciotti, a me questo calcio, Palermo compreso ( che per la verità non esiste più) mi ha davvero nauseato. La passione è andata a farsi benedire, non ho più alcuna voglia né di seguirlo né tantomeno di commentare alcunché. Quest'ultimo aspetto credo accomuna molti palermitani che in questo forum siamo di fatto quasi scomparsi. Ci sarà il derby? Buon per voi, io non mi diverto più.  Saluti per tutti.

Offline garreccio

  • Utente
  • *****
  • Post: 1667
Re:Sentenze italiane...
« Risposta #6 il: 07 Agosto 2018, 05:35:28 pm »
E intanto il TAR del Lazio ha respinto il ricorso dell'Avellino.

Offline Marco Tullio

  • Utente
  • *****
  • Post: 1755
  • Me dedit in lucem Catinae carissima terra
Re:Sentenze italiane...
« Risposta #7 il: 08 Agosto 2018, 05:10:42 pm »
Casorezzo (MI), 8 Agosto 2018
Caro Dario,
effettivamente ci sarebbe un po' da vergognarsene, eppure sono andato a festeggiare in Piazza Europa: chiamalo spirito di sopravvivenza, se vuoi, come succede dopo le grandi catastrofi. Ma c'è chi fa peggio di me: su un muro che va per la maggiore, c'è tanta gente che è pronta a riabbracciare Pulvirenti come se nulla fosse accaduto. "Tutti possono sbagliare", questa è la frase ricorrente, condivisibile nella sostanza. Ma nessuno osi accennare a Windjet, altrimenti Cerbero latra, perché si deve parlare soltanto di calcio e non sta bene ricordare che gli errori sono stati tanti e in vari ambiti. "Perseverare è diabolico", aggiungo io. Ciao e non prendere troppo freddo nella perfida e algida Albione,
Marco Tullio
α Κορ. 1, 27: Ἀλλὰ τὰ μωρὰ τοῦ κόσμου ἐξελέξατο ὁ θεός, ἵνα καταισχύνῃ τοὺς σοφούς, καὶ τὰ ἀσθενῆ τοῦ κόσμου ἐξελέξατο ὁ θεός, ἵνα καταισχύνῃ τὰ ἰσχυρά.

Offline Templare

  • Utente
  • *****
  • Post: 8248
Re:Sentenze italiane...
« Risposta #8 il: 09 Agosto 2018, 10:05:41 am »
Ciao e non prendere troppo freddo nella perfida e algida Albione,
Marco Tullio

In effetti abbiamo avuto un inverno freddo quest’anno, nevicate continue e interminabili, blizzard a -17, anche se io amo questo (mal)tempo. In compenso da inizio giugno è piovuto solo un paio di volte, la colonnina è costantemente sopra i 25 gradi, al punto che la verde Inghilterra è diventata totalmente gialla. Figurati che c’è una zona di Birmingham che percorsa in auto mi ricorda Scala Greca a Siracusa. Al netto dello splendido mar Jonio, chiaramente.

p.s. sabato abbiamo la prima in casa contro il Wigan, l’esordio in campionato è coinciso con una splendida vittoria in trasferta, 3-1 ad Hull. Ha segnato pure Alan Hutton, terzino destro che qui in Holte End chiamiamo “the Scottish Cafu”, con tanto di coro dedicato. Il Palermo non c’è più, ma io non mi ci vedo nei panni del marito inconsolabile. Ciao.
« Ultima modifica: 09 Agosto 2018, 10:07:21 am da Templare »
"Prima elimineremo i sovversivi, poi i loro collaboratori, poi i loro simpatizzanti, successivamente quelli che resteranno indifferenti e infine gli indecisi."

Offline Marco Tullio

  • Utente
  • *****
  • Post: 1755
  • Me dedit in lucem Catinae carissima terra
Re:Sentenze italiane...
« Risposta #9 il: 09 Agosto 2018, 10:17:21 am »
Casorezzo (MI), 9 Agosto 2018
Caro Dario,
e con la meusa o le panelle come hai fatto? C'è anche una versione inglese di quelle? Ciao,
Marco Tullio
P.S. Sempre che a te la meusa e le panelle piacciano, ma ci sarà senz'altro qualche specialità culinaria per cui andavi pazzo a Palermo.
« Ultima modifica: 09 Agosto 2018, 10:20:58 am da Marco Tullio »
α Κορ. 1, 27: Ἀλλὰ τὰ μωρὰ τοῦ κόσμου ἐξελέξατο ὁ θεός, ἵνα καταισχύνῃ τοὺς σοφούς, καὶ τὰ ἀσθενῆ τοῦ κόσμου ἐξελέξατο ὁ θεός, ἵνα καταισχύνῃ τὰ ἰσχυρά.

Offline turiddu

  • Utente
  • *****
  • Post: 2008
Re:Sentenze italiane...
« Risposta #10 il: 09 Agosto 2018, 05:09:25 pm »
Magari a Birmingham si trova a rascatura :-D

Offline Arcaloro Scammacca

  • Utente
  • ***
  • Post: 388
Re:Sentenze italiane...
« Risposta #11 il: 09 Agosto 2018, 05:30:30 pm »
mih, a Palermo non gettate via niente a quanto pare
ma a Birmingham certi aromi di frittura o li trovi nel fish and chips
o devi andare nel quartiere pakistano
credo

Offline Templare

  • Utente
  • *****
  • Post: 8248
Re:Sentenze italiane...
« Risposta #12 il: 10 Agosto 2018, 01:15:47 am »
Casorezzo (MI), 9 Agosto 2018
Caro Dario,
e con la meusa o le panelle come hai fatto? C'è anche una versione inglese di quelle? Ciao,
Marco Tullio
P.S. Sempre che a te la meusa e le panelle piacciano, ma ci sarà senz'altro qualche specialità culinaria per cui andavi pazzo a Palermo.

Meusa niente, ma le panelle le fa mio figlio, specialista nel trattare la farina di ceci, per quanto prossimo alla laurea in italiano e giapponese presso la Cardiff University. Lì in Wales ha fatto pure una presentazione in giapponese con la panelle come argomento.
"Prima elimineremo i sovversivi, poi i loro collaboratori, poi i loro simpatizzanti, successivamente quelli che resteranno indifferenti e infine gli indecisi."

Offline Templare

  • Utente
  • *****
  • Post: 8248
Re:Sentenze italiane...
« Risposta #13 il: 10 Agosto 2018, 01:16:47 am »
Magari a Birmingham si trova a rascatura :-D

Si trova di tutto Turiddu. Si fatica a trovare inglesi. Intendo quelli bianchi di colorito e rossicci di capelli.
"Prima elimineremo i sovversivi, poi i loro collaboratori, poi i loro simpatizzanti, successivamente quelli che resteranno indifferenti e infine gli indecisi."

Offline Templare

  • Utente
  • *****
  • Post: 8248
Re:Sentenze italiane...
« Risposta #14 il: 10 Agosto 2018, 01:27:20 am »
mih, a Palermo non gettate via niente a quanto pare
ma a Birmingham certi aromi di frittura o li trovi nel fish and chips
o devi andare nel quartiere pakistano
credo

Concordo sul fish e chips, veramente delizioso e ricco in colesterolo cattivo. Non esiste però un quartiere pakistano in quanto essi, i Paki, sono dappertutto e dopo tre anni di vita qui posso testimoniare che la società multietnica è una min.chia.ta ad uso e consumo di chi vuole crederci. Escono, mangiano, socializzano tutti fra di loro, indiani con indiani, pakistani con pakistani, cinesi con cinesi. Allo stadio poi l’apoteosi: asiatici 1 su 1000,  cinesi come il particolato, in parti per milione...

"Prima elimineremo i sovversivi, poi i loro collaboratori, poi i loro simpatizzanti, successivamente quelli che resteranno indifferenti e infine gli indecisi."