Autore Topic: Dieci anni fa  (Letto 419 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline Marco Tullio

  • Utente
  • *****
  • Post: 1610
Dieci anni fa
« il: 02 Febbraio 2017, 08:35:02 am »
Casorezzo (MI), 2 Febbraio 2017
Cari forensi,
 sono passati già dieci anni dall'infausto 2 Febbraio, quello per eccellenza, e l'amarezza è tripla: soprattutto per la macchia indelebile della follia di quella sera, in misura minore ma intensa per la miseria attuale in confronto con il glorioso recente passato e per l'infamia dell'illecito sportivo che rende impossibile anche consolarsi con i freschi ricordi di memorabili vittorie. Come allora la cosa più difficile fu ricominciare e dare un senso alla passione pallonara dopo il luttuoso evento, allo stesso modo anche oggi il nostro interesse per il calcio stenta a trovare altra giustificazione che non sia l'abitudine per un rituale che una volta si prolungava per l'intera settimana tra una partita e l'altra e ora si conclude al 90°+recupero. Cordialmente,
Marco Tullio

Offline garreccio

  • Utente
  • *****
  • Post: 1502
Re:Dieci anni fa
« Risposta #1 il: 02 Febbraio 2017, 03:45:33 pm »
Me lo ricordo bene quel 2 febbraio; mi ricordo l'amarezza, mi ricordo il disgusto e mi ricordo la vergogna.
Passai una notte insonne, immaginando tra l'altro una campagna stampa feroce contro Catania e non contro il Catania.
Cosa che puntualmente avvenne.
Sono passati 10 anni: disgusto e amarezza mi fanno ancora compagnia. E Antonino Pulvirenti dovrebbe anche saperne il perché.

Forza Catania.

Offline Davide da Miami

  • Utente
  • *****
  • Post: 1002
Re:Dieci anni fa
« Risposta #2 il: 02 Febbraio 2017, 05:03:38 pm »
Anch'io ricordo con amarezza e vergogna quel 2 febbraio 2007. Quello fu il giorno in cui anche a Miami scoprirono un luogo chiamato Catania, e non in un modo positivo. Ricordo che mi trovavo in un bar a Miami in compagnia di mio padre e mio fratello che in quel periodo mi vennero a trovare dalla Sicilia, e stavamo discutendo con alcuni commensali americani sulla nostra città di provenienza quando ad un tratto da una televisione appesa al muro iniziarono a scorrere le immagini degli scontri del Cibali. noi tre Catanesi guardavamo le immagini increduli a bocca aperta, mentre il resto degli avventori iniziò a borbottare sottovoce fin quando uno di loro disse: "This is where you guys are from"? (chistu è u posto di unni viniti vuauttri?). È superfluo dire ca ni cascau a facci 'ntera.

Offline Nelson

  • Utente
  • *****
  • Post: 1532
Re:Dieci anni fa
« Risposta #3 il: 02 Febbraio 2017, 06:01:57 pm »
Da più di un anno leggo comprensibili messaggi di vergogna per l'inchiesta I treni del gol. Certamente, è stata una vicenda vergognosa in cui il protagonista principale era il massimo rappresentante del Calcio Catania. A volte leggo qua e là messaggi di distacco persino dalla squadra, dai colori sociali e dalla storia che rappresenta. Ho rispetto delle scelte altrui, ma io non riesco a fare a meno di tifare per la mia squadra di calcio, una fede che prescinde persino dall'appartenenza alla mia città natale. Per me il Catania è molto di più: ricordi, emozioni, nonché una serie di immagini che scorrono nel tempo e accompagnano i miei anni, l'uno dietro l'altro.
Quindi, sono indignato per quello che è successo, sicuramente, ma sono e resto un tifoso della mia squadra.

Ho fatto questa premessa per dire che oggi si ricorda ufficilamente una vicenda imbarazzante e vergognosa, che ebbe un epilogo molto triste.
Per quanto mi riguarda, l'episodio più grave fu quello, da cui presi le distanze senza se e senza ma. Grave, gravissimo, ingiustificabile da ogni punto di vista. I treni del gol è stata un'inchiesta riconducibile ai dirigenti, la serata del 2 febbraio richiama la categoria del tifoso; ed è per questo che la considero più imbarazzante.
Diese Spieler waren schwach wie eine Flasche leer (Trap)

Offline Giovanni (Roma)

  • Utente
  • *****
  • Post: 1442
Re:Dieci anni fa
« Risposta #4 il: 02 Febbraio 2017, 06:10:19 pm »
Ricordo quella serata...e ho ancora dentro di me il ricordo di tutto il misto di sensazioni che provavo.
Ricordo soprattutto lo scorrere incessante di un video di 30 secondi con un estratto degli sconti che veniva riproposto di continuo, sempre lo stesso da tutti i canali che si occupavano del caso.
Dopo un po che rivedi le stesse immagini queste fanno un effetto strano...diventano ipnotiche, fanno perdere totalmente il senso di ciò' che sono.
Ho capito che stavano inesorabilmente e consapevolmente distruggendo la considerazione di una città' intera...eravamo tutti dentro quei fatti...tutti compresi quelli che viviamo a centinaia e centinaia di km di distanza...anzi forse a maggior ragione.
Quella sera ho capito quanto possa essere forte la potenza di chi detiene il controllo dei media.
Era Catania Palermo...quale occasione migliore per infangare la Sicilia...tutta.
Io di quella sera ricordo oggi soprattutto la rabbia...per quei quattro imbecilli che facevano casino..per il destino bruto che ha voluto la morte di un uomo di stato, certamente non desiderata da nessuno sono convinto neanche da quelli che poi hanno pagato...
...e per finire la rabbia per quelle immagini trattate in quel modo...volontariamente e deliberatamente...per fare male ad una città' intera.

Forza Catania...e intendo qui non solo la squadra di calcio ma tutta la città'.

Offline Marco Tullio

  • Utente
  • *****
  • Post: 1610
Re:Dieci anni fa
« Risposta #5 il: 02 Febbraio 2017, 08:09:58 pm »
Casorezzo (MI), 2 Febbraio 2017
Caro Nelson,
 siamo tutti indignati per il 22 Giugno, proclamiamo il nostro distacco per via dell'assassinio cinicamente perpetrato ai danni della nostra passione calcistica, ma alla fine siamo sempre qua ad attendere non si sa bene che cosa: in realtà non abbiamo dato le dimissioni da tifosi del Catania, ma aspettiamo un cambiamento necessario per l'igiene e per l'estetica. Il 2 Febbraio è stato una macchia per i tifosi, ma c'era la consapevolezza che tutti pagavano per le colpe di pochi e che si poteva fare affidamento su quella che allora consideravamo una società sana. Il fatto che, invece, il 22 Giugno appartenga alla dirigenza, personalmente, mi spiazza: fino a poco prima gioivamo per i successi di Pulvirenti, il dirigente locale che era venuto su dal nulla ed era riuscito nel giro di pochi attimi a realizzare il sogno che inseguivamo da una vita, anzi i suoi successi erano i nostri successi. E ad un tratto abbiamo scoperto che Pulvirenti era un omino in balia delle sue cattive inclinazioni, un malvagio incantatore che è riuscito a illuderci, e che i traguardi raggiunti, che sembravano così concreti, sono svaniti in un soffio con la stessa velocità con cui sono venuti, appunto come un incantesimo che si è dileguato nel volgere di un istante lasciando intorno a sé solo il vuoto. Per queste ragioni urge una palingenesi: via il fattucchiero e dentro gente perbene, se esiste. Ciao,
Marco Tullio

Offline Marco Tullio

  • Utente
  • *****
  • Post: 1610
Re:Dieci anni fa
« Risposta #6 il: 02 Febbraio 2017, 11:18:10 pm »
Casorezzo (MI), 2 Febbraio 2017
Carissimi,
dimenticavo di dedicare un pensiero all'ispettore Filippo Raciti, assurdamente caduto nei tafferugli in prossimità dello stadio dopo la partita. Cordialmente,
Marco Tullio

Offline katane64

  • Utente
  • ***
  • Post: 331
Re:Dieci anni fa
« Risposta #7 il: 02 Febbraio 2017, 11:46:36 pm »
Come non associarsi
Francesco

Offline Nelson

  • Utente
  • *****
  • Post: 1532
Re:Dieci anni fa
« Risposta #8 il: 02 Febbraio 2017, 11:58:12 pm »
Il 2 Febbraio è stato una macchia per i tifosi, ma c'era la consapevolezza che tutti pagavano per le colpe di pochi e che si poteva fare affidamento su quella che allora consideravamo una società sana.

Mi soffermo solo su questo per rispetto del topic che hai aperto e del tema che stiamo trattando.
C'è una cosa su cui non sono d’accordo: non erano in pochi, erano centinaia (trecento circa?).
Centinaia.
E anche se la stragrande maggioranza (troppo spesso silenziosa) è gente civile, onesta e leale, la macchia rimane. Né quattro gatti né quattro pazzi, erano centinaia.

Per me confrontarmi con una persona intelligente come te è un piacere. Ma non erano pochi, Marco Tullio, e dobbiamo onestamente ammetterlo, anche se ci fa male. So che lo dici in riferimento a una città metropolitana, ma in quel contesto erano troppi.
E in quell'incredibile e ingiustificabile sorta di guerriglia urbana morì ingiustamente Filippo Raciti; e questo rende insopportabile ma doveroso il nostro ricordo.
« Ultima modifica: 03 Febbraio 2017, 12:08:44 am da Nelson »
Diese Spieler waren schwach wie eine Flasche leer (Trap)

Offline Marco Tullio

  • Utente
  • *****
  • Post: 1610
Re:Dieci anni fa
« Risposta #9 il: 03 Febbraio 2017, 12:56:35 am »
Casorezzo (MI), 2 Febbraio 2017
Caro Nelson,
 certo, erano troppi e mi hanno colmato di vergogna, ma sempre una minoranza; del resto, le immagini che circolavano in rete o in tv non erano troppo chiare per definire il loro numero. Ad esempio, Piazza Spedini che brulica di persone: quanti di loro erano lì per creare disordini e quanti, invece, si sono trovati loro malgrado nel mezzo dei tafferugli e correvano alla rinfusa per allontanarsi, come avrei fatto io se mi fossi trovato presente. Tu dici trecento su uno stadio di ventimila persone? E allora, visto il nutrito dispiegamento delle forze dell'ordine - mi ricordo che si parlava di migliaia di unità -, devo dire che chi ne era responsabile non ha fatto un gran bel lavoro. Ciao,
Marco Tullio

Offline Nelson

  • Utente
  • *****
  • Post: 1532
Re:Dieci anni fa
« Risposta #10 il: 03 Febbraio 2017, 01:06:19 am »
Casorezzo (MI), 2 Febbraio 2017
Caro Nelson,
 certo, erano troppi e mi hanno colmato di vergogna, ma sempre una minoranza; del resto, le immagini che circolavano in rete o in tv non erano troppo chiare per definire il loro numero. Ad esempio, Piazza Spedini che brulica di persone: quanti di loro erano lì per creare disordini e quanti, invece, si sono trovati loro malgrado nel mezzo dei tafferugli e correvano alla rinfusa per allontanarsi, come avrei fatto io se mi fossi trovato presente. Tu dici trecento su uno stadio di ventimila persone? E allora, visto il nutrito dispiegamento delle forze dell'ordine - mi ricordo che si parlava di migliaia di unità -, devo dire che chi ne era responsabile non ha fatto un gran bel lavoro. Ciao,
Marco Tullio

Sì, certamente. Molti aspetti della vicenda sono poco chiari. E molto probabilmente rimarranno poco chiari.
Diese Spieler waren schwach wie eine Flasche leer (Trap)