Post recenti

Pagine: [1] 2 3 ... 10
1
Calcio siciliano / Re:Numeri finali.
« Ultimo post da Nelson il 17 Giugno 2018, 01:14:10 pm »
Se si parla di numeri, parlerò di numeri, e lo farò brevemente.

Il Catania ha perso 9 partite, otto nella stagione regolare e una nei Play Off.

Sono troppe. Poco importa avere vinto alcune partite 6-1, 5-2 e 4-0. La costanza e la solidità sono fondamentali per vincere e al Catania sono mancate.

2
Calcio siciliano / Re:Numeri finali.
« Ultimo post da Giovanni (Roma) il 17 Giugno 2018, 01:12:20 pm »
Caro Vasco condivido tutto quello che dici e vorrei aggiungere una considerazione che non è proprio ben esplicitata in quello che hai scritto, sicuramente dalle statistiche difficilmente emerge l'informazione sulla capacità del nostro allenatore di leggere le partite in corso d'opera...io credo che questo sia stato uno dei sui limiti maggiori...e vale sia in termini di cambiare tatticamente il volto della squadra...sia nel fare le sostituzioni.
3
Calcio siciliano / Re:Numeri finali.
« Ultimo post da vasco il 17 Giugno 2018, 10:43:10 am »
L'analisi proposta da Aldo (complimenti per il lavoro) ci riporta alla constatazione, del "paradosso dei numeri" . I numeri ci dicono di una stagione strepitosa del Catania ed è incontestabile che sia così. Tuttavia non ci dicono il "perchè" il Catania non abbia raggiunto l'obiettivo della promozione. Accade la stessa cosa con la statistica del "pollo": i polli sono sul tavolo, sfornati e caldi e sciaurusi, ma uno dei commensali ne ha mangiati due e l'altro ha fatto la fame. E si potrebbe continuare all'infinito coi dati ad esempio della disoccupazione che "sta diminuendo", o coi reati (omicidi e furti), in "netto calo" o il P.I.L. che "cresce": ma poi perchè si perdono le elezioni? Per il semplice motivo che i numeri danno sempre una rappresentazione parziale della realtà.

Tornando al caso del Catania, i numeri ci dicono di un campionato da protagonista di una squadra forte come non vedevamo da anni. Non ci danno però il dato qualitativo: il Catania ha perso tutte le partite decisive del campionato. Nei numeri delle "poche" sconfitte, infatti, non c'è l'importanza della partita persa; e non c'è neanche il fattore C (fortuna...) che nel calcio è sempre determinante. Il neopromosso Cosenza (auguri ai calabresi) avrà sicuramente numeri più scarsi del Catania, ma nelle partite importanti non ci sono vuoti e, soprattutto, la fortuna nei momenti decisivi ha arriso ai calabresi.

Questo per dire che su Lucarelli si può disquisire all'infinito, ma i numeri stanno dalla sua parte e la scelta di sostituirlo si poteva basare su due criteri fra loro alternativi ed entrambi razionali: o sulla quantità numerica (com'é poi avvenuto, e non voglio qui parlare di possibili  altri motivi di questa scelta) o su una analisi qualitativa delle partite e delle "sconfitte". Si è scelto il criterio numerico e sarebbe bastato un pò di fattore C, per premiare la scelta  coi risultati. Così non è stato. Sportivamente bisogna prenderne atto e guardare avanti. E augurarsi, chiedere, pretendere che il Catania sia sempre protagonista.
4
Calcio siciliano / Re:Numeri finali.
« Ultimo post da Giovanni (Roma) il 17 Giugno 2018, 01:27:13 am »
In conclusione della sfortunata stagione rossazzurra, per chi può essere interessato, sciorino alcuni dati. Sono solo numeri è vero, ma a volte leggendo con attenzione i numeri si scoprono delle curiosità, delle particolarità, cui non avevamo fatto caso o che nemmeno immaginavamo. Molte delle mie personali convinzioni su questa stagione nascono da questi dati che in alcuni casi sono tanto costanti da non poter essere definiti casuali. Analogamente altri potrebbero trovarvi conferma o smentita delle loro sensazioni.

Il Catania ha chiuso la stagione regolare al secondo posto con 70 punti, distanziato dal Lecce di 4 punti, frutto di 21 vittorie, 7 pareggi e 8 sconfitte, con 65 gol fatti, miglior attacco del  girone, e 31 subiti, seconda difesa del girone. La media punti è stata di 1,94 per giornata.

In casa i punti conquistati sono stati 37,  le vittorie 11, 4 i pareggi, 3 le sconfitte. I gol fatti 35, i gol subiti 13. La media punti 2,05.
Fuori casa i punti sono stati 33, 10 le vittorie, 3 i pareggi e 5 le sconfitte. I gol fatti 30, i gol subiti 18. La media punti  1,83.

Aggiungendo le quattro partite dei play off il bilancio complessivo diventa di 23 vittorie, 8 pareggi e 9 sconfitte, con 70 gol fatti e 34 subiti. Analogamente quello delle partite in casa diventa di 13 vittorie, 4 pareggi e 3 sconfitte, con 39 gol fatti e 14 subiti, mentre quello delle partite in trasferta diventa di 10 vittorie, 4 pareggi e 6 sconfitte, con 31 gol fatti e 20 subiti.

Nell’arco delle complessive 40 partite disputate, la squadra ha utilizzato dall’inizio due tipi di schieramenti, il 3-5-2 ed il 4-3-3.

Il 3-5-2 è stato usato 24 volte, 11 in casa e 13 fuori, con questi risultati complessivi 14 vittorie, 4 pareggi e 6 sconfitte, per una media di 1,91 punti a partita. In casa è stato usato  11 volte ed ha fruttato 7 vittorie, 2 pareggi e 2 sconfitte, con una media punti di 2,09. Fuori casa 13 volte, con 7 vittorie, 2 pareggi e quattro sconfitte. Media punti  1,76.

Il  4-3-3, 16 volte, 7 in casa e 9 fuori, con questi risultati complessivi  9 vittorie, 4 pareggi e 3 sconfitte, per una media punti di 1,93. In casa è stato utilizzato 7 volte, con 5 vittorie, 1 pari ed 1 sconfitta, per una media punti di 2,28. In trasferta 9 volte per 4 vittorie, 3 pareggi, 2 sconfitte ed una media punti di 1,66.

Le due serie di vittorie consecutive, la prima di sei, la seconda di cinque entrambe nel girone di andata, sono state ottenute nel primo caso schierando sempre il 3-5-2 iniziale, nel secondo caso, schierando per la prima partita il 3-5-2 e per le altre quattro il 4-3-3.

I marcatori sono stati: Curiale 16, Lodi 8, Mazzarani e Ripa 7, Barisic e Russotto 6, Di Grazia 4, Biagianti, Bogdan, Brodic e Fornito 2, Aya, Djordievic, Manneh, Marchese, Porcino, Rizzo e Tedeschi 1.

Dei 70 gol realizzati, 24 sono stati realizzati nel primo tempo e 46 nella ripresa.  Più in particolare 7 dal 1’al 15’, 8 dal 16’ al 30’, 9 dal 31’ alla fine del primo tempo, 15 dal 46’ al 60’, 13 dal 60’ al 75’ e 18 dal 76’ alla fine della partita.

Dei 34 gol subiti, 14  sono stati subiti nel primo tempo e 20 nella ripresa. Con le seguenti sezioni temporali, 2 dal 1’al 15’, 4 dal 16’ al 30’, 8 dal 31’ alla fine del primo tempo, 7 dal 46’ al 60’, 3 dal 60’ al 75’ e 10 dal 76’ alla fine della partita.

Due sono le partite conclusesi senza gol, il pareggio esterno a Lentini e la partita casalinga con la Juve Stabia. Nelle altre occasioni si è sempre segnato.

Nelle 14 volte che hanno segnato per primi gli avversari, il Catania ha perso ben 9 volte, pareggiato 3, a Matera, in casa con il Cosenza ed a Salò, e rimontato 2 sole volte, a Pagani e nella sfortunatissima partita di ritorno con il Siena. Di converso, nelle 24 volte che è passato in vantaggio non ha mai perso, pareggiato solo 3 volte, Racing Fondi e Matera in casa, Lecce in trasferta, vincendo tutte le 21 rimanenti.

P.S. Per i dati delle classifiche sono stati utilizzati quelli del sito della Lega Pro, per  quelli del modulo di schieramento iniziale e del minutaggio dei gol sono stati utilizzati quelli risultanti  dai tabellini o dalla cronaca web degli incontri pubblicati sul sito ufficiale della società. Sempre dal sito della società sono stati tratti i dati sui marcatori.
Però non ci racconti quali sono queste tue personali convinzioni...sei stato spesso uno strenuo difensore di Lucarelli...ma poi in fondo non mi pare tu abbia mostrato questa reale convinzione...
Intanto come dice Katane...il cosenza va in B...questa squadra ha trovato la condizione ideale per questo finale di stagione...sospetto che oggi avrebbe battuto pure noi...se ci fossimo arrivati...ma questa è solo una illazione e in quanto tale non verificabile.
...certo...questo risultato ci toglie di mezzo un'altra potenziale rivale per il prossimo campionato.

Fozza Catania
5
Calcio siciliano / Re:Numeri finali.
« Ultimo post da katane64 il 17 Giugno 2018, 01:23:46 am »
Solo per la cronaca, va in serie b una squadra finita dietro di 16 punti. Noi avremo i limiti che abbiamo, però... questa è la serie c
6
Calcio siciliano / Numeri finali.
« Ultimo post da Aldo il 16 Giugno 2018, 06:39:10 pm »
In conclusione della sfortunata stagione rossazzurra, per chi può essere interessato, sciorino alcuni dati. Sono solo numeri è vero, ma a volte leggendo con attenzione i numeri si scoprono delle curiosità, delle particolarità, cui non avevamo fatto caso o che nemmeno immaginavamo. Molte delle mie personali convinzioni su questa stagione nascono da questi dati che in alcuni casi sono tanto costanti da non poter essere definiti casuali. Analogamente altri potrebbero trovarvi conferma o smentita delle loro sensazioni.

Il Catania ha chiuso la stagione regolare al secondo posto con 70 punti, distanziato dal Lecce di 4 punti, frutto di 21 vittorie, 7 pareggi e 8 sconfitte, con 65 gol fatti, miglior attacco del  girone, e 31 subiti, seconda difesa del girone. La media punti è stata di 1,94 per giornata.

In casa i punti conquistati sono stati 37,  le vittorie 11, 4 i pareggi, 3 le sconfitte. I gol fatti 35, i gol subiti 13. La media punti 2,05.
Fuori casa i punti sono stati 33, 10 le vittorie, 3 i pareggi e 5 le sconfitte. I gol fatti 30, i gol subiti 18. La media punti  1,83.

Aggiungendo le quattro partite dei play off il bilancio complessivo diventa di 23 vittorie, 8 pareggi e 9 sconfitte, con 70 gol fatti e 34 subiti. Analogamente quello delle partite in casa diventa di 13 vittorie, 4 pareggi e 3 sconfitte, con 39 gol fatti e 14 subiti, mentre quello delle partite in trasferta diventa di 10 vittorie, 4 pareggi e 6 sconfitte, con 31 gol fatti e 20 subiti.

Nell’arco delle complessive 40 partite disputate, la squadra ha utilizzato dall’inizio due tipi di schieramenti, il 3-5-2 ed il 4-3-3.

Il 3-5-2 è stato usato 24 volte, 11 in casa e 13 fuori, con questi risultati complessivi 14 vittorie, 4 pareggi e 6 sconfitte, per una media di 1,91 punti a partita. In casa è stato usato  11 volte ed ha fruttato 7 vittorie, 2 pareggi e 2 sconfitte, con una media punti di 2,09. Fuori casa 13 volte, con 7 vittorie, 2 pareggi e quattro sconfitte. Media punti  1,76.

Il  4-3-3, 16 volte, 7 in casa e 9 fuori, con questi risultati complessivi  9 vittorie, 4 pareggi e 3 sconfitte, per una media punti di 1,93. In casa è stato utilizzato 7 volte, con 5 vittorie, 1 pari ed 1 sconfitta, per una media punti di 2,28. In trasferta 9 volte per 4 vittorie, 3 pareggi, 2 sconfitte ed una media punti di 1,66.

Le due serie di vittorie consecutive, la prima di sei, la seconda di cinque entrambe nel girone di andata, sono state ottenute nel primo caso schierando sempre il 3-5-2 iniziale, nel secondo caso, schierando per la prima partita il 3-5-2 e per le altre quattro il 4-3-3.

I marcatori sono stati: Curiale 16, Lodi 8, Mazzarani e Ripa 7, Barisic e Russotto 6, Di Grazia 4, Biagianti, Bogdan, Brodic e Fornito 2, Aya, Djordievic, Manneh, Marchese, Porcino, Rizzo e Tedeschi 1.

Dei 70 gol realizzati, 24 sono stati realizzati nel primo tempo e 46 nella ripresa.  Più in particolare 7 dal 1’al 15’, 8 dal 16’ al 30’, 9 dal 31’ alla fine del primo tempo, 15 dal 46’ al 60’, 13 dal 60’ al 75’ e 18 dal 76’ alla fine della partita.

Dei 34 gol subiti, 14  sono stati subiti nel primo tempo e 20 nella ripresa. Con le seguenti sezioni temporali, 2 dal 1’al 15’, 4 dal 16’ al 30’, 8 dal 31’ alla fine del primo tempo, 7 dal 46’ al 60’, 3 dal 60’ al 75’ e 10 dal 76’ alla fine della partita.

Due sono le partite conclusesi senza gol, il pareggio esterno a Lentini e la partita casalinga con la Juve Stabia. Nelle altre occasioni si è sempre segnato.

Nelle 14 volte che hanno segnato per primi gli avversari, il Catania ha perso ben 9 volte, pareggiato 3, a Matera, in casa con il Cosenza ed a Salò, e rimontato 2 sole volte, a Pagani e nella sfortunatissima partita di ritorno con il Siena. Di converso, nelle 24 volte che è passato in vantaggio non ha mai perso, pareggiato solo 3 volte, Racing Fondi e Matera in casa, Lecce in trasferta, vincendo tutte le 21 rimanenti.

P.S. Per i dati delle classifiche sono stati utilizzati quelli del sito della Lega Pro, per  quelli del modulo di schieramento iniziale e del minutaggio dei gol sono stati utilizzati quelli risultanti  dai tabellini o dalla cronaca web degli incontri pubblicati sul sito ufficiale della società. Sempre dal sito della società sono stati tratti i dati sui marcatori.







7
Calcio siciliano / Re:E ora????
« Ultimo post da vasco il 15 Giugno 2018, 12:46:20 am »
Io ritengo che la società debba approntare la migliore squadra che è nelle sue possibilità, mantenendo se possibilie i migliori giocatore di quest'anno se motivati a prendersi la rivincita, e completando una rosa di giocatori tecnicamente adatta alle idee di gioco del futuro allenatore. Su questo dovrebbero pensare bene al da farsi, per non ritrovarsi nella stessa situazione appena vissuta.
In nessun caso la società dovrà agire pensando ad una serie C (girone meridionale) meno agguerrita. Innanzitutto perché non si può sapere prima. E poi perché questo campionato non è mai stato facile per nessuno, anche per le squadre più forti (e il Catania di quest'anno lo era).
8
Calcio siciliano / Re:E ora????
« Ultimo post da Giovanni (Roma) il 14 Giugno 2018, 03:57:43 pm »
Ed ora?

Ora si riparte.

Ci sarebbero tutte le condizioni giuste, dopo tre anni finalmente non si riparte da zero, ma da una ossatura di squadra che è arrivata seconda in classifica ed ha perso l'accesso alla finale play off per un centimetro di troppo. Ci sono tutti i presupposti per essere l'anno prossimo noi, il Benevento di tre anni fa, il Foggia di due anni fa, il Lecce dello scorso campionato. Le deficienze che io ritengo che ci siano state nella squadra di quest'anno, sono recuperabilissime. L'anno prossimo tra l'altro non dovrebbero esserci una grossa concorrenza se, come pare, Trapani, Matera, Juve Stabia e, ci metto pure il Siracusa abbiano grossi problemi societari.
Per quanto mi riguarda già la scelta dell'allenatore sarà una cartina di tornasole delle intenzioni societarie, se ricadrà su uno che ha già primeggiato nel campionato di C, magari vincendolo, vuol dire che si punta decisamente alla promozione, altrimenti, se sarà il giovane in cerca di lancio vuol dire che questa volontà non c'è.

Un ultima cosa che credo l'altro anno sia stata un po' sottovalutata ed ha portato all'ingessamento del mercato di gennaio attenzione alla scelta degli over, 14 sono veramente pochi, ed evitare di tesserare a fine mercato giocatori già tesserati nella stagione con la società di provenienza, perché poi, a gennaio, come è capitato quest'anno a Fornito e Blondett, non si possono vendere avendo alle spalle già due tesseramenti in stagione.

Aspettiamo fiduciosi, non credo proprio che in società vogliano sprecare un opportunità così propizia.

...e qui condivido tutto...se il Catania sarà in grado di tirarsi fuori dai problemi economici insiti in questa categoria e riesce ad approntare una squadra con un organico equivalente a quello di quest'anno...è evidente che la presunta concorrenza sarà parecchio meno agguerrita...almeno sulla carta!

Credo anche che questo sia chiaro anche ai giocatori che a mio avviso verranno a Catania ancora più convinti.

La questione Over limitata a 14 è di sicuro già valida anche per la prossima stagione o sarà oggetto di valutazione da parte della federazione?

Fozza Catania
9
Calcio siciliano / Re:Catania-Robur Siena
« Ultimo post da Caprarupens il 14 Giugno 2018, 12:32:25 am »
Deluso si ma in totale accordo con Aldo che nella sua disamina ha confermato le mie stesse impressioni.
In disaccordo con chi dice che Lucarelli non è un buon allenatore, per me il CT ha giocato bene nei limiti della serie in cui si trova e come tutte le squadre, Lecce compreso, qualche volta ha buttato al vento dei punti importanti.
Che dire? Io personalmente auspico la riconferma dell'allenatore anche se sono cosciente che la mia opinione vale quanto un due di coppe quando la briscola è a denari per la società e che trova tanti amici di opinione diversa tra noi del forum.
Il Catania ha perso la semifinale dei play off ed ai rigori giocando molto meglio del Siena falloso ed arrogante.
10
Calcio siciliano / Re:E ora????
« Ultimo post da Aldo il 13 Giugno 2018, 11:56:22 pm »
Ed ora?

Ora si riparte.

Ci sarebbero tutte le condizioni giuste, dopo tre anni finalmente non si riparte da zero, ma da una ossatura di squadra che è arrivata seconda in classifica ed ha perso l'accesso alla finale play off per un centimetro di troppo. Ci sono tutti i presupposti per essere l'anno prossimo noi, il Benevento di tre anni fa, il Foggia di due anni fa, il Lecce dello scorso campionato. Le deficienze che io ritengo che ci siano state nella squadra di quest'anno, sono recuperabilissime. L'anno prossimo tra l'altro non dovrebbero esserci una grossa concorrenza se, come pare, Trapani, Matera, Juve Stabia e, ci metto pure il Siracusa abbiano grossi problemi societari.
Per quanto mi riguarda già la scelta dell'allenatore sarà una cartina di tornasole delle intenzioni societarie, se ricadrà su uno che ha già primeggiato nel campionato di C, magari vincendolo, vuol dire che si punta decisamente alla promozione, altrimenti, se sarà il giovane in cerca di lancio vuol dire che questa volontà non c'è.

Un ultima cosa che credo l'altro anno sia stata un po' sottovalutata ed ha portato all'ingessamento del mercato di gennaio attenzione alla scelta degli over, 14 sono veramente pochi, ed evitare di tesserare a fine mercato giocatori già tesserati nella stagione con la società di provenienza, perché poi, a gennaio, come è capitato quest'anno a Fornito e Blondett, non si possono vendere avendo alle spalle già due tesseramenti in stagione.

Aspettiamo fiduciosi, non credo proprio che in società vogliano sprecare un opportunità così propizia.
Pagine: [1] 2 3 ... 10